Scrivici| Francese| Accesso

XVIIèmeCongrès confédéral - Résolution finale

Operai della Cogne

RÉSOLUTION FINALE XVIIèmeCONGRÈS CONFÉDÉRAL

Châtillon: les 14/15 décembre 2018

Les délégués du SAVT réunis à Saint-Vincent (lieu choisi comme symbole de soutien aux Travailleurs du Casino et à tous les travailleurs qui luttent pour leur dignité), le 14 et 15 décembre 2018, à l'occasion du XVIIème Congrès Confédéral portant sur « Tradition, Solidarité, Progrès », auquel ont participé plus de deux cents représentants de toutes les catégories, à l'issue des travaux

APPROUVENT le rapport du Secrétaire Général Guido Corniolo et reconnaissent l'importance des problèmes abordés, qui concernent aussi bien la situation de notre syndicat que les aspects socio-économiques de tous les secteurs de production.

En particulier, les délégués tiennent à remercier Guido Corniolo pour le travail accompli à la guide du SAVT pendant les dernières dix-sept années ; son honnêteté, ses qualités professionnelles et humaines, son engagement lui ont permis de terminer son travail tout en quittant le Syndicat en bonne santé et avec un nouveau siège.

EXPRIMENT leur forte préoccupation pour la grave crise économique et de l’emploi qui sévit désormais depuis longtemps sans s’atténuer et qui a de fortes retombées dans tous les secteurs;

RÉAFFIRMENTla validité ainsi que l’actualité des raisons d’être et des valeurs qui ont été à la base de la naissance du SAVT, syndicat de toute une communauté ethnique et linguistique, et expriment l’exigence que ces mêmes valeurs demeurent le fondement de l’action du syndicat et deviennent le patrimoine personnel de chaque personne soucieuse de celle-ci, si nécessaire par l’adoption des mesures de formation qui s’avèrent utiles;

SOULIGNENT que le SAVT, fier de son identité, de son autonomie et de son pluralisme, doit continuer à œuvrer pour la sauvegarde et la promotion de nos particularités autonomistes, culturelles et linguistiques;

RÉAFFIRMENT au vu aussi du néo-centralisme en augmentation, des nouvelles formes de nationalisme et des propositions de création de macro-régions, aussi bien que de la méconnaissance de la part du gouvernement italien et de la Commission Européenne de la dimension montagne, de la réalité alpine dont la Vallée d'Aoste est partie intégrante, la nécessité de la présence du SAVT et de ses « raisons d'être » pour défendre le Statut d'Autonomie, dépassant les actuelles structure publiques et économiques, en prévision de la mise en place du fédéralisme intégral dans une République Fédérale Italienne.

RÉAFFIRMENT la valeur du bilinguisme et du plurilinguisme et ils œuvrent pour la défense des langues y comprises les langues dites minoritaires ; ils confirment leur engagement dans la Plateforme des Syndicats des Nations sans Etat (PNSE) qui s’oppose aux barrages, même physiques, tels que les murs que différents Pays de l'Union Européenne dressent pour résoudre le problème de l'immigration, puisque ce genre d'initiatives représente une violation inacceptable des droits fondamentaux de l'homme;

RÉAFFIRMENT la valeur de l'esprit confédéral et du caractère confédéral à son intérieur et du dialogue parmi les différentes catégories de travailleurs et reconnaissent comme une des valeurs fondamentales du SAVT la solidarité;

DENUNCIANO come l'instabilità politica che ha caratterizzato la Valle d'Aosta negli ultimi anni abbia creato grandi difficoltà a poter programmare una vera politica economica e sociale per la nostra Regione e in questo senso invitano le forze politiche a mettere in atto quelle riforme utili a garantire la necessaria stabilità, in primis rivedendo la legge elettorale;

RITENGONO che sia fondamentale aprire un dialogo con le istituzioni al fine di concertare e condividere il modello economico/sociale della Valle d'Aosta che si vuole avere nel futuro, ribadendo la necessità di rimettere il sindacato al centro di questo fondamentale dialogo per garantire la sopravvivenza socio-culturale ed economica della nostra comunità;

RAPPELLENT que la Commune – en tant que collectivité territoriale de référence de la vie administrative et dépositaire, aux yeux du peuple valdôtain, de l’histoire et de la civilisation de chaque communauté – est l’institution la plus proche du citoyen, à l’écoute des exigences de celui-ci;

RÉAFFIRMENT l’importance de la présence des Communes pour assurer aux populations résidentes, d’une part, le maintien d’un niveau de vie et de services élevé et homogène indépendamment des caractéristiques, des dimensions et de la localisation de leur lieu de résidence et, d’autre part, un réseau dense et diffus de services au citoyen et aux familles, afin de garantir l’occupation historique – et, par conséquent, la sauvegarde – du territoire;

S'ENGAGENT à diffuser la culture de la prévoyance complémentaire contractuelle (FONDEMAIN) notamment parmi les jeunes, qui sont les travailleurs qui subiront davantage les conséquences de la fragilité de notre système des retraites;

ENGAGENT le SAVT à sensibiliser ses inscrits aux valeurs de l’égalité des sexes et de l’égalité des chances pour tous et à diffuser la culture de la non-violence;

EVIDENZIANO la necessità non più rinviabile di un nuovo piano di sviluppo pubblico e privato industriale nel medio e lungo termine in grado di sviluppare tecnologicamente e innovare le strutture delle aziende industriali presenti sul territorio valdostano e contribuire a garantire e implementare l'occupazione del settore;

INCORAGGIANO e stimolano i componenti delle RSU, RSA e RLS al confronto e al dialogo all'interno delle Aziende a difesa degli interessi di tutte le lavoratrici e i lavoratori, auspicando una maggiore partecipazione e interesse alla vita del sindacato da parte di tutti gli iscritti e dei lavoratori valdostani, come certezza della democrazia sindacale;

SOTTOLINEANO come il settore idraulico-forestale regionale, soggetto - a partire dall’autunno del 2010 - a continui tagli economici e strutturali, modifiche operative e contrazioni degli organici, necessiti di un rilancio a tutto tondo, che deve necessariamente passare attraverso una programmazione a medio-lungo termine da parte dell’Amministrazione regionale, anche con il contributo di un più incisivo ed efficace dialogo con le Organizzazioni sindacali confederali e di categoria, rispettoso dei reciproci ruoli e delle proprie funzioni;

RITENGONO fondamentale riavviare una attenta ed incisiva azione sindacale sul territorio regionale, che tenga conto delle nuove esigenze dei lavoratori agricoli e delle nuove realtà in cui essi operano, delle frammentazioni contrattualistiche ed aziendali tipiche del settore e del necessario rilancio della fase dei rinnovi contrattuali integrativi regionali e aziendali immobile, ormai, da troppi anni, il tutto nel rispetto e nel solco della dimensione contadina ed agricola tipica della Valle d’Aosta e all’origine delle idee e delle genti che ispirarono i padri fondatori del Sindacato Savt;

RIAFFERMANO l'importanza di tutelare e difendere la contrattazione regionale, strumento che permette di dare le risposte alle lavoratrici ed ai lavoratori che operano per la Valle d'Aosta ed augurano che la contrattazione di primo livello possa, in un prossimo futuro, essere estesa ai comparti della scuola e della sanità valdostana;

RITENGONO che sia fondamentale aprire un dialogo con le istituzioni al fine di concertare e condividere il modello economico/sociale della Valle d'Aosta che si vuole avere nel futuro, ribadendo la necessità di rimettere il sindacato al centro di questo fondamentale dialogo per garantire la sopravvivenza socio-culturale ed economica della nostra comunità;

SOTTOLINEANO l'importanza per il tessuto economico e sociale della casa da gioco di Siant-Vincent ed auspicano che vengano messe in atto da parte di tutte le Istituzioni coinvolte le azioni necessarie per salvaguardare un'azienda che rappresenta una risorsa ed un patrimonio fondamentale per la Valle d'Aosta;

PONGONO particolare attenzione al progetto « Industria 4.0 » e all'innalzamento del livello qualitativo dell'industria valdostana e si propongono di verificare attentamente quali tasse siano eventualmente inserite dai governi sulla robotica;

RICONOSCONO che la Formazione professionale e personale in tutti i contesti lavorativi, compreso ovviamente quello sindacale, è una delle principali leve strategiche per l'uscita dalla crisi che si sta vivendo, la cui risoluzione porterà sicuramente ad un cambiamento globale del sistema lavoro, per cui necessiteremo di nuove e specifiche professionalità e di contestuale formazione;

DEPLORENT la perte de partie des Fonds Structurels Européens dédiés à la formation;

DEMANDENT de redéfinir les taux IRPEF et les bases d'imposition, notamment pour les retraites et les revenus professionnels faibles et moyens, tout en respectant la progressivité prévue par notre CONSTITUTION;

CONFERMANO che i settori Turismo-Commercio e Servizi rimangono strategici per il rilancio dell'economia valdostana e che gli stessi rappresentano oltre il 60% del Pil prodotto dalla nostra regione e prendono atto che per il settore turistico valdostano sembra attenuarsi il periodo recessivo vissuto dal 2009 al 2015 ed i nuovi dati confermano un trend positivo del settore negli ultimi tre anni (2016/2018), mentre rimane stabile il settore dei servizi e in leggera sofferenza risulta essere il settore del commercio, con la riduzione in particolare delle piccole imprese artigianali e commerciali, dovute probabilmente alla forte concorrenza delle grandi reti distributive commerciali ed ad un forte salto de commercio online;

RIBADISCONO con forza come il settore produttivo dell’energia elettrica sia un bene primario ed indispensabile per il paese e che quindi, anche attraverso l’attuazione di nuove politiche energetiche non inquinanti, lo stesso possa contribuire in modo sostanziale al rilancio economico ed occupazionale del paese;

AUSPICANO che, malgrado le risorse ancora limitate del bilancio regionale, il comparto socio-sanitario possa godere di maggiori attenzioni economiche che permettano di mantenere gli standard di qualità dei servizi fino ad oggi erogati, o quanto meno non vengano posti in atto ulteriori tagli come avvenuto negli ultimi anni, che comprometterebbero gli sforzi fino ad oggi fatti di lotta agli sprechi e di razionalizzazione dei servizi;

AUSPICANO che il Consiglio Sindacale Interregionale (CSI) diventi parte attiva per creare le condizioni politiche e di lavoro, con l'obiettivo di formalizzare un contratto di tipo europeo di settore, per tutte quelle aziende che hanno al loro interno una struttura operativa di tipo binazionale come i Trafori e le Funivie, e che impiegano al loro interno lavoratori di nazionalità diversa, che svolgono lo stesso lavoro ma che sono sottoposti a contratti di lavoro e normative differenti legate allo stato di appartenenza;

RICONOSCONO che la Piattaforma dei Sindacati delle Nazioni senza Stato (PNSE) di cui il Savt è stato uno dei sindacati fondatori è il luogo di lavoro per la difesa di tutti i lavoratori delle minoranze etnico linguistiche. Le Organizzazioni Sindacali che compongono la Piattaforma dei Sindacati delle Nazioni senza Stato (PSNSE) sono LAB-Pays Basque, CUT-Galice, Intersindacal CSC-Catalogne, Intersindacal Canaria, STC-Corse, SLB-Bretagne, UGTG-Guadalupe, UGTM-Martinique, USTKE-Kanaky, UTG-Guyanne, CSS-Sardaigne, e SAVT-Vallée d'Aoste. I sindacati della Piattaforma lottano contro le misure repressive messe in atto dai Governi centrali contro i sindacalisti della Piattaforma, impedendo loro di svolgere la propria attività sindacale in difesa dei lavoratori delle comunità interessate e per l'autodeterminazione delle proprie comunità. La PSNSE si oppone alle barriere anche fisiche, quali i muri, che diversi Stati dell’Unione Europea costruiscono per risolvere il problema dell'immigrazione, perché tali iniziative costituiscono una inaccettabile violazione dei diritti fondamentali dell’Uomo. Rigettano la politica miope degli Stati che perpetrano lo sfruttamento economico-finanziario in numerose regioni del mondo e nel contempo favorisce l’insorgere di guerre che portano alla miseria i popoli interessati. Infine i Sindacati della Piattaforma operano per costruire una società solidale che permetta di rifondare un patto sociale basato sull'uguaglianza delle persone umane e la fraternità dei popoli liberi. Ogni sindacato della Piattaforma traduce questi orientamenti strategici nella pratica quotidiana sindacale in funzione delle condizioni storiche, geografiche, sociali e culturali del proprio popolo. La politica dei sindacati della Piattaforma è ribadire la centralità del lavoro, la sua dignità, ed esprimono costantemente nella loro azione sindacale il sostegno a tutte le lavoratrici e i lavoratori oggi in lotta per la difesa o per la conquista di un posto di lavoro;

INCORAGGIANO e stimolano i componenti delle RSU, RSA e RLS al confronto e al dialogo all'interno delle Aziende a difesa degli interessi di tutte le lavoratrici e i lavoratori, auspicando una maggiore partecipazione e interesse alla vita del sindacato da parte di tutti gli iscritti e dei lavoratori valdostani, come certezza della democrazia sindacale;

AUSPICANO infine che il Sindacato Savt sappia mantenere la sua autonomia politica sindacale che fino ad oggi ha consentito di difendere tutte le lavoratrici e i lavoratori, iscritti e non inscritti, al sindacato, fornendo agli stessi appoggio e consulenza contrattuale e legale in difesa dei diritti del lavoro.


Saint-Vincent, le 15 décembre 2018

60°ANNIVERSARIO

Il libro del SAVT